Coronavirus: distanti ma connessi

In questi mesi tutti noi stiamo attraversando un periodo storico particolare. Ci siamo ritrovati a dover cambiare le nostre abitudini personali, a rivedere le nostre relazioni sociali e le condizioni lavorative.

Le piccole e le grandi imprese hanno dovuto far fronte a un’importante trasformazione per poter sopravvivere. Questa situazione ha toccato anche eventi, conferenze, fiere e saloni di esposizione, che rappresentano opportunità irripetibili per la creazione di relazioni commerciali.

Muoversi velocemente in questi casi è fondamentale. Bisogna sapersi reinventare e trovare delle alternative che possano sostituire adeguatamente l’evento fisico e generare meno perdite possibili. In molti sono arrivati alla stessa soluzione: il digitale, che in questo periodo difficile ha permesso di mantenere una continuità e un dialogo con il pubblico attraverso nuove offerte, nuovi linguaggi e nuovi canali.

Anche Cryms ha dovuto riorganizzarsi internamente per rispondere alle numerose richieste dei propri clienti che hanno virato in simultanea sul digitale. Tra questi ci sono il Locarno Film Festival, LUMA Foundation, ESO, solo per citarne alcuni. Ciò ha comportato un grande lavoro di pianificazione di persone e di compiti per poter rispondere con efficacia a tutte le esigenze.

Con la speranza che presto si possa tornare alla normalità e che possiamo tutti ritrovare un po’ di serenità, noi nel nostro piccolo faremo quanto ci è possibile per dare un piccolo contributo, permettendo alle persone di rimanere… distanti ma connesse.

I commenti sono chiusi